Vai al contenuto

La terra aiuta a formare le future guide alpine

Germán González ha formato giovani appassionati di montagna per 6 anni nel Ciclo di Formazione Ambiente Naturale e Tempo Libero presso la scuola Regina Carmelí, in cui formano le future guide con il nostro software Land.

Raccontaci un po’ te e dico mangio sei diventato un insegnante

Mi chiamo Germán González e le due parole che meglio mi definiscono sono avventuriero e amante delle sfide. Sono appassionato di tutti gli sport, soprattutto quelli che mi danno adrenalina, poiché amo vivere al massimo e questa sensazione mi avvicina a vivere la vita come voglio e la intendo.
Nel 2012, terminata la laurea in Attività Fisica e Scienze dello Sport, ho preso una delle decisioni più importanti della mia vita. Ho lasciato la vita di routine che avevo nella mia città (lavoro, famiglia, amici…) e sono andata a vivere a Edimburgo. All’inizio non è stato facile e anche l’idea di aver preso una decisione sbagliata mi è passata per la mente, ma quell’esperienza mi ha davvero aiutato a plasmare la persona che sono oggi. Alla scoperta di quel meraviglioso paese ho iniziato ad approfondire gli sport della natura, come l’escursionismo, l’arrampicata e la mountain bike, tra gli altri. Così, quando sono tornato a Barcellona nel 2015 per lavorare presso la scuola dove ho svolto il mio tirocinio, ho iniziato a laurearmi per lavorare in ambiente naturale e concentrare la mia vita lavorativa in questo settore. Oggi, oltre alla mia laurea, ho il TD1 per l’escursionismo, il TD2 per la Media Montagna e il tecnico di livello 1 per il parapendio. Questi corsi di formazione mi hanno aiutato a conoscere persone con cui condividere la mia passione per la montagna.

Come sei venuto a conoscenza di TwoNav?

Tutto è iniziato nell’estate del 2015 quando, appena arrivato a Barcellona, ​​ho deciso di dotare una bicicletta di borse laterali, ho preso la tenda e sono andato da solo a fare un percorso verso Nizza. Nella preparazione di questo percorso, ho chiesto informazioni sui programmi di creazione delle tracce e sul GPS. Confrontando e analizzando diversi materiali, ho deciso di optare per il software Land e, inoltre, ho acquisito anche il GPS “anima” per aiutarmi a seguire i diversi itinerari. Nei 26 giorni in cui è durata questa avventura, va notato che è stato un grande successo avere questo materiale, poiché è molto facile e intuitivo da usare e mi ha aiutato molto a seguire gli itinerari che avevo preparato in precedenza. Da allora è un materiale essenziale che mi aiuta a preparare tutte le mie uscite guidate nell’ambiente naturale con adeguata sicurezza.

Il nostro software Land è fondamentale nel ciclo di formazione Ambiente Naturale e Tempo Libero dell’Escola Regina Carmelí. Come lo usi nel tuo corso?

Il nostro compito educativo, oltre a formare le persone con i valori quotidiani che possono utilizzare in qualsiasi ambito della vita, come lo sforzo, il sacrificio, il lavoro di squadra e la cooperazione… è anche molto focalizzato sulla formazione di futuri tecnici guida delle attività in l’ambiente naturale. All’interno di questo insegnamento che cerchiamo di trasmettere, attribuiamo grande importanza alla sicurezza.
Sicurezza che deve trasmettere la guida, sicurezza che deve esistere nella gestione del gruppo, sicurezza che deve esistere in situazioni di gestione del rischio… e riteniamo fondamentale che, per aumentare questa sicurezza in qualsiasi attività, ci sia un buona fase di preparazione prima dell’attività. In questo senso, il software del Land aiuta molto gli studenti a preparare i percorsi che, in seguito, andremo e, dove dovranno fare da guide del gruppo. All’interno di questa fase di preparazione ci sono una serie di compiti preliminari che ogni guida deve tenere a mente quando prepara un percorso:

Cartografia: Il software Land ci consente di inserire mappe, siano esse dell’Istituto Cartografico della Catalogna (ICC) o dell’editore Alpina, e da qui possiamo iniziare a lavorare interpretando le mappe della zona in cui vogliamo lavorare. Interpreta le orografie del terreno, le curve di livello,… e decidi quali sentieri vogliamo fare. Una volta creata la traccia, ci fornisce informazioni importanti come la distanza totale del percorso, la distanza parziale, la pendenza positiva e negativa, … oltre a creare waypoint (punti di particolare interesse lungo l’itinerario). Un’altra questione molto importante è che ci permette di stampare l’area della mappa che vogliamo, alla scala che più gli si addice.

Tabella dei waypoint: Questa tabella dei punti consente alla guida di avere informazioni sull’intero percorso da effettuare. Informazioni rilevanti, come abbiamo accennato prima, come la distanza parziale e accumulata, la pendenza positiva e negativa, le direzioni, le coordinate… e tutto questo viene fornito dal software Land in modo molto semplice.

Il profilo degli studenti è piuttosto adolescenziale, cosa ne pensate di questo sistema di preparazione del percorso? Lo gestiscono facilmente?

A livello di formazione, dobbiamo insegnare agli studenti ad essere il più versatili e competenti possibile. Ecco perché insegniamo a svolgere tutte le attività di preparazione del percorso fornite dal software Land, ma inizialmente in modo tradizionale, senza l’utilizzo di alcun computer o software. Una volta che sanno come farlo in questo modo, introduciamo nuove tecnologie, tra cui questo programma. A questo punto bisogna considerare due fattori importanti; da un lato, che gli studenti vedono che è un modo per svolgere gli stessi compiti in modo più rapido ed efficace e, dall’altro, che sono una nuova generazione che ha una padronanza molto migliore di tutto ciò che riguarda il nuovo tecnologie. Ecco perché per loro è un modo di lavorare molto più comodo. Inoltre molti mostrano questa capacità di indagine e interesse a scoprire come funziona e, se hanno dei dubbi perché non ricordano molto bene come si fa, hanno questa spinta che li porta a indagare sul programma fino a quando non finiscono scoprire e ricordare come facevano quello che volevano fare. Penso che sia uno strumento fondamentale per chiunque voglia svolgere attività nell’ambiente naturale, sia che si concentri su di esso in modo ludico o professionale.

La tua bicicletta prepara le future guide alpine. Come pensi che Land aiuti questi professionisti?

La cosa principale, come ho già accennato, è fornire quel grado di sicurezza in tutte le attività che si svolgono nell’ambiente naturale. Ma penso anche che sia uno strumento che fornisce un “apprendimento eccessivo” ogni volta che viene utilizzato. Man mano che il software si diverte, viene svolto un compito indiretto di interpretazione cartografica, di localizzare diverse orografie del terreno… e questo aiuta solo a rafforzare tutti i contenuti su cui si lavora nel corso, poiché lo studente, allo stesso tempo tempo, creando un’immagine mentale e poi quando la vede nella realtà può già intuire in quale situazione si troverebbe. Come ho detto prima, lo ritengo uno strumento fondamentale per chiunque voglia svolgere attività nella natura, sia ludico che professionale.

Raccontaci il ciclo di formazione. Quale tema è incluso?

È vero che il ciclo tecnico Guida Ambiente Naturale e Tempo Libero è un insieme di tutte le attività che si possono svolgere in natura comprese nello stesso corso. “Se questo corso fosse esistito quando studiavo, lo avrei fatto senza dubbio” è la frase che più si ripete quando parlo con le famiglie dei nostri studenti. Da ciò possiamo già estrarre la tipologia di studente/famiglia che abbiamo, strettamente legata al mondo della montagna e alle attività che si possono svolgere in questo luogo.
Parlando del corso in sé, la prima cosa che è importante notare è che si tratta di un corso che dura 2.000 ore di formazione distribuite su 2 anni. In queste 2000 ore vengono elaborati diversi contenuti, come ad esempio:

Tecniche di equitazione o guida equestre: Dalla preparazione del cavallo per l’equitazione all’uscita con i gruppi e alla realizzazione di percorsi guidati a cavallo attraverso diversi sentieri.

Organizzazione dei percorsi: È l’intera fase precedente alla preparazione dei percorsi. Contenuti che vanno dalla conoscenza del materiale necessario per le uscite di bassa e media montagna, passando per l’elaborazione della cartografia, per finire con questioni di gestione del terreno e della sicurezza di gruppo.

Guida di bassa e media montagna: è tutto quel contenuto teorico su cui si lavora nel modulo di organizzazione dell’itinerario ma, in questo caso, è tutta la parte pratica e il lavoro sul campo. Escursioni e ciaspolate, guida, uscite sugli sci, costruzione di bivacchi, gare di orienteering, montaggio e smontaggio tende.

Guida in bicicletta (BTT): Stesso contenuto della guida di bassa e media montagna ma in questo caso sulla bicicletta. Inoltre, è presente una sezione dei contenuti dedicata alla manutenzione e alla meccanica della bicicletta dove gli studenti si esercitano nelle manovre meccaniche più elementari; cambio telecamera, cambio cavo freno e rompicatena.

Tecniche di nuoto: Saper dare istruzioni agli utenti affinché imparino a nuotare nei quattro stili di nuoto esistenti: rana, dorso, crawl e farfalla.

Bagnino e guida nell’ambiente acquatico: sono contenuti per estrarre gli utenti dall’acqua in caso di incidente e anche, allo stesso modo dei precedenti contenuti, guida di gruppo ma in questo caso attraverso l’ambiente acquatico. All’interno di questo ambiente acquatico può spaziare da laghi e paludi ad acque aperte come la spiaggia.

Manovre con corde: in questo caso è tutto quel contenuto che è legato all’uso di corde, nodi, moschettoni e dispositivi di sicurezza vari. In questo caso si tratta di quattro blocchi molto diversi tra loro: arrampicata sportiva, canyoning, discesa in corda doppia e speleologia.

Fondamentalmente questi sono il 75%-80% dei contenuti su cui lavoriamo nel corso spiegati in maniera sintetica. L’altra parte rimanente è un contenuto più teorico che non incoraggia così tanto gli studenti, ma allo stesso modo degli altri, è un contenuto importante che devono conoscere: inglese tecnico, FOL, tecniche del tempo libero, sintesi… è un corso molto completo per testare tutte le attività che si possono svolgere nell’ambiente naturale, applicando a tutte la sicurezza adeguata e, una volta terminato, lo studente può specializzarsi maggiormente in quello sport che gli è piaciuto di più e fare più allenamento tecnico e specifico. Un’altra opzione è continuare la loro formazione completando una laurea in attività fisiche e sportive e concentrare maggiormente la loro formazione accademica verso l’università.

Nel tuo caso fai anche spedizioni di gruppo, usi il GPS?

PER SEMPRE! È uno strumento fondamentale per qualsiasi guida alpina. Pur conoscendo la zona, ritengo che si debba sempre portare con sé il GPS per eventuali imprevisti che possono verificarsi durante il percorso. È un elemento che, ad esempio in condizioni di scarsa visibilità, aiuta molto a seguire il percorso stabilito e a non abbandonare l’itinerario, perdendo di conseguenza tempo, che non rientra nei tempi stabiliti…. E sappiamo già come è il tempo in montagna, spesso è abbastanza mutevole e imprevedibile.